Autori: 66 | Articoli: 263

 

Accedi Diventa un autore!

Login

Username *
Password *
Ricordami

Registrati

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.
Nome e cognome *
Username *
Password *
Verifica password *
Email *
Verifica email *
Captcha *

Chi siamoWhere  |  L'ideale  |  GovernanceVision  |  Partner  | Autori  

libreria ingegneria

10 Feb 2018

Elon Musk e l'arte di spedire roba nello spazio

Scritto da

 C'è chi parla del Festival di San Remo appena finito o dalla festa degli innamorati già passata e c'è chi parcheggia autovetture nello spazio. 

Elon Musk, nato nel 1972 in Sud Africa, ma neutralizzato statunitense, è uno degli uomini più potenti al mondo secondo Forbes (2016), nonché uno dei più ricchi (53simo nella lista Forbes 2018).

È fondatore e CEO di SolarCity, fondatore di The Boring Company, nonché cofondatore di Paypal e OpenAl.

È, inoltre, fondatore CEO e amministratore delegato di Space Exploration Technologies Corporation (SpaceX) e di Tesla, Inc (precedentemente Tesla Motors).

macchinaQuesti ultimi due dati sono particolarmente rilevanti alla luce degli eventi dei giorni scorsi. Perché? Cos’ha a che fare una compagnia di tecnologia aereospaziale con una casa di produzione di automobili elettriche ad alte prestazioni?

Ovviamente, il soggetto di cui sopra, Musk, il quale ha avuto la brillante idea di spedire una fuoriserie nello spazio, nell’ambito di un più ambizioso progetto di inaugurazione del più potente razzo esistente ad oggi.

Se è vero dunque che la Tesla Roadster rossa ha avuto un “lancio” promozionale unico, il viaggio inaugurale del Falcon Heavy, enorme razzo risultato della somma di tre Falcon 9,  rischiava di essere un fallimento, per cui caricare un satellite, o qualunque altro dispositivo “utile” e insostituibile, sarebbe stato troppo rischioso.

E così, il 6 febbraio 2018, alle 19.30, è partito Falcon Heavy e, una volta superata l’orbita terrestre, ha rilasciato nello spazio una fuoriserie rossa con dentro un manichino vestito da astronauta.

Secondo Musk, la macchina avrebbe dovuto poi sfrecciare verso Marte, “suonando” le note di Space Oddity di David Bowie. La prima auto su Marte, insomma.

A distanza di quasi una settimana, l’auto è stata “pizzicata” in mezzo alle stelle da Gianluca Masi del Virtual Telescope Project e da Micheal Schwartz dell’Osservatorio Tenagra in Arizona.

Secondo i calcoli la Tesla Roadster (Starman, 2018-017A) si trova su un'orbita eliocentrica con un perielio (distanza minima dal Sole) di 0,99 unità astronomiche (AU), o circa 148 milioni di km. L'afelio dell'auto (la distanza più lontana dal Sole) è di circa 1,7 UA, ovvero circa 254 milioni di km. Il percorso dell'auto tuttavia sarà difficile da prevedere in futuro a causa di elementi quali le radiazioni termiche, che non sono ancora stati calcolati.

In realtà la filosofia di Musk è abbastanza complessa. Ha l'ideale di trasformare in green il mondo che lo circonda. L'auto elettrica è solo il suo principio. Pensa ad un energia totalemente rinnovabile. 

astronauta

Per chi volesse vedere il lancio:

www.youtube.com

 

Intervista a Musk e Tesla nello spazio:

www.youtube.com

 

Fonti:

wikipedia.org

scienze.fanpage.it

http://www.rockol.it

www.tomshw.it

 

Human Europe Capital è un sito di lettura. I professionisti e gli appassionati di una disciplina possono pubblicare i loro studi, le loro riflessioni e i loro racconti.

E’ un generatore di idee e di spunti di riflessione. Gli articoli nelle materie indicate possono essere tecnici o generalisti. Per addetti ai lavori o per tutti.

Human Europe Capital siamo tutti noi uniti. Anche con pensieri e idee diverse.

Per info:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

human logo

Stefano Marcheselli

E' il fondatore di HumanEuropeCapital.

Laureato presso l'Università Bocconi di Milano, specializzato presso la Luiss Guido Carli a Roma, ha finito il percorso accademico presso l'Ecole de Commerce Solvay a Bruxelles.

Attualmente lavora come consulente in una consulting finanziaria a Milano.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

inglese francese  spagnola  tedesca  portoghese  norvegese  albanese  mandarino  cantonese  giapponese  arabo  russia  coreasud  coreanord
Chi siamo | Autori