Autori: 60 | Articoli: 241

 

Accedi Diventa un autore!

Login

Username *
Password *
Ricordami

Registrati

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.
Nome e cognome *
Username *
Password *
Verifica password *
Email *
Verifica email *
Captcha *

Chi siamoWhere  |  L'ideale  |  GovernanceVision  |  Partner  | Autori  

libreria ingegneria

16 Mag 2019

La maledizione di Lisistrata

Scritto da

Pochi giorni fa è stata approvata nello stato americano di Georgia una legge fortemente antiabortista, che non solo proibisce gli aborti dopo le 6 settimane dal concepimento, ma punirebbe col carcere le donne residenti in Georgia che cercassero di abortire fuori dai confini dello Stato, mentre quelle che dovessero soffrire di aborti spontanei (miscarriages) sarebbero sottoposte ad indagini per verificare le effettive circostanze della fine della gravidanza.

In questi giorni l'attrice Alyssa Milano ha lanciato la proposta di indire uno sciopero del sesso fino a quando queste misure non verranno abolite ed immediatamente è stata paragonata ad una moderna Lisistrata, la protagonista di una commedia dell'autore greco Aristofane. 

Non è il primo caso in cui si verifica questa associazione: nel marzo 2003 venne indetta una manifestazione di protesta internazionale, basata sul boicottaggio del sesso e  conosciuta col nome di Lisistrata Project, con lo scopo di fermare la guerra in Iraq. Contemporaneamente in Liberia imperversava una guerra civile - la seconda nel giro di pochi anni -, durante la quale l'attivista Leymah Gbowee propose a sua volta uno sciopero del sesso per fermare il conflitto, ed iniziative simili si ebbero in Sudan nel 2002 ed in Kenya nel 2009. 

baby 1915402 1280

A prima vista le somiglianze non sono poche: anche la Lisistrata è ambientata durante un conflitto che sembra non finire mai, la guerra del Peloponneso tra Sparta e Atene, e la protagonista propone alle donne ateniesi e delle altre città di astenersi dal sesso fino a quando la pace non sar firmata e i loro mariti torneranno a casa. Alla fine, con molta fatica, Lisistrata riesce a raggiungere il suo obiettivo, ma, una volta conclusa la guerra, il suo messaggio pacifista viene rapidamente messo in disparte per festeggiare la fine di questo scomodo embargo. 

Tuttavia, come fa notare la studiosa Helen Morales, accostare questa commedia alle lotte delle donne africane - e oggi alla battaglia proposta negli Stati Uniti - non può far altro che sminuire l'importanza di questi gesti rendendoli qualcosa di comico e stuzzicante, quando invece si dovrebbe ragionare su quanto sia grave che nel 2019, nel moderno Occidente, le donne per farsi sentire pensino di dover ricorrere ad uno sciopero del sesso. Come scrive Morales "the term 'sex strike' suggests that ordinarily sex is a kind of work, performed by a woman for a man (men never go on 'sex strike', it is always women), and that for her to withhold sex is a similar kind of political action to those of labour stoppages by unionized workers". 

In conclusione, paragonare eventi fittizi di secoli fa e ciò che succede davvero attualmente è un lavoro rischioso, che può condizionare fortemente l'opinione pubblica e causare misinterpretazioni sia degli uni che degli altri: evitiamo che una battuta facile impedisca di capire a fondo il significato della lotta che le donne americane stanno portando avanti, con o senza sciopero del sesso.

Fonte:

Morales, H. (2013) 'Aristophane's Lysistrata, the Liberian 'sex strike', and the politics of reception', Greece & Rome 60.2, 281-295

 

Human Europe Capital è un sito di lettura. I professionisti e gli appassionati di una disciplina possono pubblicare i loro studi, le loro riflessioni e i loro racconti.

E’ un generatore di idee e di spunti di riflessione. Gli articoli nelle materie indicate possono essere tecnici o generalisti. Per addetti ai lavori o per tutti.

Human Europe Capital siamo tutti noi uniti. Anche con pensieri e idee diverse.

Per info:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

human logo

Lisa Pitrelli

Nata nel 1996, laureanda in lettere classiche presso l'Alma Mater Studiorum di Bologna. 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

inglese francese  spagnola  tedesca  portoghese  norvegese  albanese  mandarino  cantonese  giapponese  arabo  russia  coreasud  coreanord
Chi siamo | Autori