Autori: 61 | Articoli: 250

 

Accedi Diventa un autore!

Login

Username *
Password *
Ricordami

Registrati

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.
Nome e cognome *
Username *
Password *
Verifica password *
Email *
Verifica email *
Captcha *

Chi siamoWhere  |  L'ideale  |  GovernanceVision  |  Partner  | Autori  

libreria ingegneria

02 Ago 2020

Storia del tennis romano - quarta puntata - Lea Pericoli e Silvana Lazzarino

Scritto da

LA STORIA DEL TENNIS ROMANO DAGLI ANNI ‘20 AD OGGI

   4) LEA PERICOLI E SILVANA LAZZARINO

Anche se vanta origini milanesi e un lungo trascorso nelle colonie africane, Lea Pericoli – la First Lady del tennis tricolore – può essere a buon diritto considerata romana d’adozione.
“Il giorno prima di Wimbledon, tra i verdi fondali del club di Hurlingham, Lea appariva in tute trapuntate d’oro, sottanine piumate, trafori, reti, lamé sconvolgenti.” Scriveva di lei il cronista per antonomasia del tennis italiano, Gianni Clerici. “Non mancava mai, la sua foto, sui giornali inglesi della domenica, e ci consolava un tantino della sua imminente eliminazione, perché la Pericoli fu certo più affascinante donna che grande tennista […] Contro le amazzoni, Lea giocò qualche stupenda partita con le sue armi di autodidatta”.

Nonostante questo, però, va doverosamente detto che Lea Pericoli, la quale magari non è stata forte come Flavia Pennetta e Francesca Schiavone, ci ha regalato la sua eterna storia d’amore con il tennis, che è una memoria innegabile soprattutto perché ha giocato in anni in cui non c’era il professionismo, in cui i risultati non sempre erano pari al dispendio di fatica e stress che il circuito internazionale richiedeva.

Come ricorda spesso nelle interviste e nei suoi libri, Lea ha portato avanti il suo amore per il tennis con strenua intensità, nonostante la forte pressione che questo comportava: un po’ come faceva Fausto Gardini, che si faceva venire l’esaurimento nervoso ma proprio per questo raggiungeva risultati impensabili contro avversari molto più forti.
Lea ha vinto 27 titoli italiani e gli ultimi contro ragazze molto più giovani e potenti di lei, in incontri che lei viveva come fossero la più disperata delle tragedie greche. Dalla sua, però, aveva sempre l’appoggio del pubblico, una inesauribile ambizione e una inesauribile tendenza a migliorare i suoi record personali. E lì, nemmeno la penna precisa e imparziale di Rino Tommasi ha potuto esimersi dal commentare che… “dopo due ore di gioco neppure Paola Pigni era in grado di correre come l’infaticabile Lea Pericoli”!

Sportivamente, però, Lea non nasce all'improvviso: il suo arrivo è stato preceduto dal dominio tennistico di una donna particolare, che creerà con lei una staffetta di vent'anni di grande sport.
Silvana Lazzarino, nata a Roma il 19 maggio 1933 e detta Minnie non soltanto per le sue forme minute ed aggraziate, ma soprattutto per la sua vivace simpatia e il suo modo di pensare, è la campionessa di quell’Italia che pian piano si rialza e riprende a camminare con le proprie gambe, dopo il baratro infinto della Seconda Guerra Mondiale, il simbolo di una nazione che finalmente torna a dedicarsi allo sport, ad appassionarsi a delle nuove sfide tutte da scoprire.

Si fa presto apprezzare da tutti per il suo tennis elegante ed intelligente, agevolato dalle sue valide capacità fisiche e da una certa incontrollabile frenesia, che caratterizza anche la sua personalità.
Gli ammiratori rimangono affascinati dal suo gioco equilibrato, misurato ma al tempo stesso molto energico e soprattutto scandito da precise geometrie che Silvana disegna abilmente sul campo. C’è chi definisce il suo tennis rotondo e paziente, ma al tempo stesso tutti le riconoscono una grande forza che – a volte – si può fare addirittura inarrestabile.
Rimanendo in tema di velocità, Silvana oltre che come Minnie è nota anche come la Regina dei Treni, per la sua abitudine di raggiungere le località di gioco in vagone letto: non lo fa per spocchia, per riservatezza o per chissà quale altra bizzarra ragione. Vi è costretta per un’invincibile timore di volare, lo stesso che la costringe al ritiro nel 1964 per l’inevitabile incapacità di affrontare un tennis sempre più movimentato e internazionale, fatto per lo più di lunghi voli e traversate oceaniche.

Ciò nonostante, durante i suoi anni di gioco, Silvana Lazzarino ha ampiamente già svolto il suo dovere, ha interpretato il suo ruolo alla perfezione ed è riuscita a ritagliarsi uno spazio importante nella storia del tennis femminile italiano ed internazionale. È stata infatti una pochissime tenniste italiane ad aver raggiunto una semifinale in un torneo del Grande Slam, nel 1954, agli Open di Francia.

tennis romano

Human Europe Capital è un sito di lettura. I professionisti e gli appassionati di una disciplina possono pubblicare i loro studi, le loro riflessioni e i loro racconti.

È un generatore di idee e di spunti di riflessione. Gli articoli nelle materie indicate possono essere tecnici o generalisti. Per addetti ai lavori o per tutti.

Human Europe Capital siamo tutti noi uniti. Anche con pensieri e idee diverse.

Per info:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

human logo

Giulia Soi

Sono nata a Roma mentre finivano gli anni '70 e – fatta eccezione per qualche anno vagabondo tra Spagna e Francia – ho sempre vissuto a Roma. Sempre nello stesso quartiere, per essere precisi.

Laureata due volte, una in Scienze della Comunicazione e l'altra in Geografia, ho iniziato a occuparmi di mass media alla Scuola di Televisione R.T.I. di Maurizio Costanzo: era il 2004 e da quel momento non ho più smesso.

Oggi sono un'autrice televisiva con all'attivo più di venti programmi per una dozzina di canali diversi, oltre che una giornalista pubblicista iscritta all'Odg del Lazio dal 2012; in generale, però, mi riconosco nella definizione di storyteller con il vizietto del web, il sogno di pubblicare un libro e una insaziabile passione per i viaggi, la musica e lo sport.

Oltre all’italiano, parlo correntemente e insegno cinque lingue, tre vive e due morte; quando la sera finisco di lavorare, divento ginnasta senza portafoglio, cantante per diletto e divoratrice patologica di serie televisive.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

inglese francese  spagnola  tedesca  portoghese  norvegese  albanese  mandarino  cantonese  giapponese  arabo  russia  coreasud  coreanord
Chi siamo | Autori