Autori: 62 | Articoli: 253

 

Accedi Diventa un autore!

Login

Username *
Password *
Ricordami

Registrati

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.
Nome e cognome *
Username *
Password *
Verifica password *
Email *
Verifica email *
Captcha *

Chi siamoWhere  |  L'ideale  |  GovernanceVision  |  Partner  | Autori  

libreria ingegneria

09 Ago 2020

Storia del tennis romano - quinta puntata - Pietrangeli il grande, tra Lazio e dolcevita

Scritto da

BREVE STORIA DEL TENNIS ROMANO

   5) PIETRANGELI IL GRANDE, TRA LAZIO E DOLCE VITA

Pietrangeli conosce casualmente Tommaso Maestrelli e Bob Lovati a Bari, quando entrambi sono ancora calciatori in attività. Li ritrova anni dopo, a Roma, quando sono diventati rispettivamente l’allenatore e il vice-allenatore della sua squadra del cuore, la Lazio e non ci mette poi molto a chiedere loro, tra il serio e il faceto, se può andare ogni tanto ad allenarsi con la prima squadra a Tor di Quinto, tra l’altro vicino a casa sua.
Maestrelli acconsente e Pietrangeli si comincia a scaldare a bordo campo, ma la squadra è un po’ imbarazzata: nessuno sa se dargli del lei o del tu, non sanno se passargli la palla, non se la sentono di avvicinarsi troppo.

Allora, Pietrangeli decide di dare una scossa alla situazione: “Ragazzi, così mi fate sentire vecchio: almeno quando giochiamo a pallone, diamoci del tu!” Per fortuna, dopo dieci giorni, la situazione è radicalmente cambiata: “A Nico’, e muoviti: passa ‘sta palla!”

Ben presto, e per i successivi tre anni, Pietrangeli è un laziale a tutti gli effetti: ha un suo posto nello spogliatoio, una sua divisa, se arriva in ritardo paga la multa proprio come ogni altro giocatore, non ha nessun trattamento di favore in campo.
E da questa esperienza, Nicola impara tantissimo. Porta con sé tanti ricordi e tanti insegnamenti che si riveleranno preziosi per il suo ruolo di capitano di Coppa Davis: in particolare, si troverà a ripescare i trucchi che Maestrelli usava per tenere buono Giorgio Chinaglia, il ribelle.
Ad esempio, quando Long John proprio non riusciva a capire che ogni tanto una partitella d’allenamento la poteva anche perdere, Maestrelli spesso lo distraeva facendogli tirare all’ultimo minuto un rigore inesistente!
Inoltre, c'è da dire che Pietrangeli nell’ambiente tennistico milanese non godeva particolarmente di buona fama. Su al nord tutti applaudivano molto più volentieri i campioni “lottatori” Umberto De Morpurgo, Gianni Cucelli e Fausto Gardini, piuttosto che quel ragazzone romano, grassottello, e viziato, che cercava sempre di portare a casa la partita senza faticare mai troppo.
Uno così, per i milanesi, era un sovversivo, uno antipatico.
A sua discolpa, Nicola racconta sempre che all’epoca la differenza tra una vittoria e una sconfitta, anche in un incontro importante, si limitava ad una coppa di poco valore, al massimo ad una banconota da diecimila lire. Quindi – dice lui ancora oggi, facendo l’occhiolino a miliardi guadagnati dai grandi campioni del circuito ATP – tanto valeva ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo!
Alle misere diecimila lire, Pietrangeli preferiva la notorietà, gli applausi, la bella vita, la baldoria…scelta che sovente, considerato il fatto che per quanto di classe rimaneva pur sempre un dilettante, lo portava a fronteggiare qualche “problemino”.
A volte, infatti, il suo direttore di banca lo chiamava per segnalargli uno scoperto sul conto. E allora Nicola si applicava, vinceva qualche incontro in più per risanare la situazione finanziaria e poi riprendeva allegramente lo scanzonato tran tran.

Certo, spesso ancora adesso qualcuno gli fa presente che, se si fosse allenato con maggiore costanza e serietà, avrebbe potuto vincere molto di più.
Ma per lui l’unica risposta valida è sempre la stessa:
“Certo, avete ragione voi, ma avete idea di quanto mi sarei divertito di meno?”

tennis romano

Human Europe Capital è un sito di lettura. I professionisti e gli appassionati di una disciplina possono pubblicare i loro studi, le loro riflessioni e i loro racconti.

È un generatore di idee e di spunti di riflessione. Gli articoli nelle materie indicate possono essere tecnici o generalisti. Per addetti ai lavori o per tutti.

Human Europe Capital siamo tutti noi uniti. Anche con pensieri e idee diverse.

Per info:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

human logo

Giulia Soi

Sono nata a Roma mentre finivano gli anni '70 e – fatta eccezione per qualche anno vagabondo tra Spagna e Francia – ho sempre vissuto a Roma. Sempre nello stesso quartiere, per essere precisi.

Laureata due volte, una in Scienze della Comunicazione e l'altra in Geografia, ho iniziato a occuparmi di mass media alla Scuola di Televisione R.T.I. di Maurizio Costanzo: era il 2004 e da quel momento non ho più smesso.

Oggi sono un'autrice televisiva con all'attivo più di venti programmi per una dozzina di canali diversi, oltre che una giornalista pubblicista iscritta all'Odg del Lazio dal 2012; in generale, però, mi riconosco nella definizione di storyteller con il vizietto del web, il sogno di pubblicare un libro e una insaziabile passione per i viaggi, la musica e lo sport.

Oltre all’italiano, parlo correntemente e insegno cinque lingue, tre vive e due morte; quando la sera finisco di lavorare, divento ginnasta senza portafoglio, cantante per diletto e divoratrice patologica di serie televisive.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

inglese francese  spagnola  tedesca  portoghese  norvegese  albanese  mandarino  cantonese  giapponese  arabo  russia  coreasud  coreanord
Chi siamo | Autori