Autori: 61 | Articoli: 250

 

Accedi Diventa un autore!

Login

Username *
Password *
Ricordami

Registrati

I campi contrassegnati con (*) sono obbligatori.
Nome e cognome *
Username *
Password *
Verifica password *
Email *
Verifica email *
Captcha *

Chi siamoWhere  |  L'ideale  |  GovernanceVision  |  Partner  | Autori  

libreria giurisprudenza

29 Lug 2020

Donne e Coronavirus - Il virus non ci vede ma lo stereotipo di genere ha dieci decimi

Scritto da

Il punto di diritto - Nel diritto nazionale

Nonostante il diritto Italiano come anche il diritto europeo mettano sulla carta le medesime possibilità in capo a uomini e donne senza alcuna distinzione; basti pensare agli articoli 3 e 37 della nostra Costituzione:

Articolo 3. Tutti i cittadini hanno pari dignità e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

Articolo 37. La donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro devono consentire l'adempimento della sua essenziale funzione familiare e assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione.

Tali definizioni, ovviamente collegate al dettato del codice civile, che pone i genitori sullo stesso piano nell’educazione del minore, o a quello dello statuto dei lavoratori, che sottolinea l’obbligo di eguale trattamento sono ulteriormente riprese dalla giurisprudenza di merito in più forme; basti pensare alle cassazioni 8310/2006 (non esiste a favore del lavoratore subordinato un diritti soggettivo alla parità di trattamento e che, soprattutto quando il trattamento differenziato trovi il suo fondamento in un dato oggettivo di carattere temporale, l’attribuzione di un determinato beneficio ad un lavoratore non può costituire titolo per attribuire ad altro lavoratore, che si trovi nella medesima posizione, il diritto allo stesso beneficio o al risarcimento del danno), 12108/2018 (in materia di licenziamento e disparità uomo/donna), 3196/2019 (in cui si poneva l’accento sulla discriminazione derivante dal porre la medesima altezza come scriminante per un lavoro sia per uomini che per donne); eppure ciò non è mai bastato ad annullare completamente il gender gap.

Il problema discriminatorio accentuato dal Coronavirus

In queste poche parole sono tradite le promesse di uguaglianza che hanno portato alle quote rosa o alla differenza salariale del 23,7 % tra uomini e donne.
Come se non bastasse.
Ma non si tratta solo di questo, poiché, infatti, davanti a qualsiasi esigenza sociale, come quella derivante dal Covid-19, le difficoltà e le preoccupazioni prendono il sopravvento andando a creare nuovi bisogni e necessità.
Il problema della violenza femminile
Una rilevazione fatta dai centri antiviolenza D.i.Re. mostra che rispetto allo stesso periodo dello scorso anno le richieste di aiuto sono aumentate del 74,5 per cento; dal 2 marzo al 5 aprile 2020 i centri D.i.Re sono stati contattati complessivamente da 2.867 donne, di cui soltanto 806 (pari al 28%) sono donne che non si erano mai rivolte prima ai centri antiviolenza del loro territorio. Il problema di fondo in questa situazione deriva dall’impossibilità, in un momento di isolamento sociale o confinamento domestico, di poter contattare i centri antiviolenza della propria città. Anche per questo è nata l’app 1522 collegata al numero di telefono antistalking e antiviolenza del Dipartimento per le Pari Opportunità.
La prassi del sacrificio materno.
Con la chiusura delle scuole, asili nido, scuole materne e la non previsione nei decreti governativi di soluzioni per occupare il tempo di minori tra gli 0 e i 6 anni (ricordiamo a questo proposito che ad oggi non è ancora stata definita la riapertura di centri estivi per queste età) si è posta l’annosa questione derivante dalla puericultura ossia da quello che, con uno slancio di discriminazione per prassi, è il compito deputato, nella famiglia patriarcale, alla donna. Questo sacrificio, pertanto, oltre a ledere la capacità lavorativa/produttiva, va anche a de-intesificarla: nessuno può lavorare serenamente, seppur da casa in “smart working” senza una vera e propria distrazione per i propri figli.

Eguaglianza femminile

In conclusione

Ciò che ora è necessario, a mente di chi scrive, non un'azione creativa da parte del legislatore che ha già sancito, sia a livello nazionale, che in realtà anche a livello europeo ed internazionale, il pieno principio di uguaglianza, bensì un'azione sempre più incisiva della magistratura che sia in grado di riconoscere le istanze di genere quali strumenti per sfondare il "soffitto di cristallo".

Human Europe Capital è un sito di lettura. I professionisti e gli appassionati di una disciplina possono pubblicare i loro studi, le loro riflessioni e i loro racconti.

È un generatore di idee e di spunti di riflessione. Gli articoli nelle materie indicate possono essere tecnici o generalisti. Per addetti ai lavori o per tutti.

Human Europe Capital siamo tutti noi uniti. Anche con pensieri e idee diverse.

Per info:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

human logo

Andrea D'Ambrosio

Classe 1992, Perito Aziendale Corrispondente in Lingue Estere, Laureato in Giurisprudenza presso Alma Mater Studiorum.

Nasce nell'hinterland emiliano viene cresciuto a lasagne verdi e "Orgoglio e Pregiudizio". Radici italiane, cuore quebecchese e cervello che viene dal favoloso mondo di Oz cerca di estirpare ogni pregiudizio tra una serie tv, un film e uno spettacolo teatrale e l'altro.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

inglese francese  spagnola  tedesca  portoghese  norvegese  albanese  mandarino  cantonese  giapponese  arabo  russia  coreasud  coreanord
Chi siamo | Autori